Vuoi rimanere aggiornato sul mondo delle startup? Visita il nostro blog

Come creare un ambiente di lavoro sano e produttivo
Tempo di lettura: 7 minuti
Aggiornato al 03 Giugno 2024

Come creare un ambiente di lavoro sano e produttivo

Creare e promuovere un ambiente di lavoro sano e produttivo, soprattutto oggi che le esigenze dei lavoratori sono profondamente cambiate, è un fattore decisivo se vuoi avviare una startup di successo e farla funzionare.

Nonostante ciò, l’influenza che il work environment ha sul benessere dei dipendenti e, conseguentemente, sulle loro prestazioni è ancora oggi sottovalutata da molti imprenditori.

Se vuoi creare un vantaggio competitivo e distinguerti dalla concorrenza, non lasciarti sfuggire questa guida: scoprirai cosa si intende per ambiente di lavoro, come esso incide sulla produttività aziendale e quali sono i migliori consigli sulle strategie più efficaci per costruire (e migliorare) un ambiente lavorativo positivo.

 

Cosa si intende per ambiente di lavoro?

Uno degli errori più comuni commessi dagli imprenditori, in materia di work environment, è quello di considerare come ambiente di lavoro solo la sede aziendale in cui materialmente si svolge l’attività. Lo spazio fisico, invece, è solo uno dei diversi elementi che costituiscono un ambiente lavorativo. Scopriamo quali sono gli altri.

 

Elementi costitutivi di un ambiente di lavoro

I principali elementi costitutivi di un ambiente di lavoro sono 3:

  • l’ambiente fisico, che include per l’appunto tutti gli spazi fisici e tangibili in cui viene svolta l’attività dell’azienda;
  • l’ambiente sociale, di cui fanno parte tutti gli elementi riguardanti i rapporti interpersonali tra i lavoratori;
  • le caratteristiche strutturali, tra cui rientrano le dimensioni dell’azienda, la sua struttura formale e la cultura aziendale sulla base di cui viene gestita.

 

Elementi costitutivi di un ambiente di lavoro

Elementi costitutivi di un ambiente di lavoro

 

È opportuno precisare che, in aggiunta a queste tre macrocategorie, anche altri elementi contribuiscono a definire un ambiente di lavoro: tra questi ci sono le aspettative dei lavoratori nei confronti dell’azienda (e il loro conseguente atteggiamento sul luogo di lavoro) e la produttività del singolo dipendente e del team di lavoro.

 

Benefici di un ambiente lavorativo positivo

Abbiamo appena parlato di produttività ed è, quindi, arrivato ora il momento di scoprire quali sono, nel concreto, i benefici che un ambiente di lavoro positivo apporta alle prestazioni della tua startup.

 

Benefici di un ambiente lavorativo positivo

Benefici di un ambiente lavorativo positivo

 

Impatto sull’efficienza e sulla produttività

Tutto ruota attorno al benessere del personale, cioè a quello stato fisico ed emotivo che spinge i lavoratori a sentirsi più energici e motivati a dare il massimo per resistere meglio alle pressioni e alle sfide sul luogo di lavoro.

Non ti sorprenderà sapere che, quando i dipendenti operano in un contesto lavorativo positivo, si sentono più coinvolti nei progetti aziendali e maggiormente valorizzati. Tutto ciò ha un impatto rilevante sulle performance aziendali, in termini di efficienza e produttività.

 

Riduzione dell’assenteismo e del turnover

Una maggiore efficienza non è, però, l’unica conseguenza di un ambiente di lavoro positivo: anche per quanto riguarda l’organizzazione aziendale e la stabilità del business, infatti, si riscontrano benefici importanti, dal momento che avere dipendenti più motivati significa anche registrare una riduzione dell’assenteismo sul posto di lavoro e del turnover aziendale.

Promuovere un clima aziendale positivo e prestare particolare attenzione alla serenità dei dipendenti sul luogo di lavoro aumenta la fidelizzazione dei dipendenti stessi, che non avranno motivo di cercare altrove quello che già hanno all’interno dell’azienda.

 

Miglioramento della reputazione aziendale

Il benessere, quindi, contribuisce in maniera determinante alla competitività dell’azienda sul mercato e, unitamente alla serenità sul luogo di lavoro, rappresenta un elemento imprescindibile per qualsiasi azienda che voglia anche mostrarsi positiva agli occhi di consumatori, partner e concorrenti. Promuovere un clima aziendale positivo, infatti, si traduce anche in una migliore reputazione aziendale e in una maggiore capacità attrattiva, sia per quanto riguarda i talenti sul mercato del lavoro che i clienti.

 

Caratteristiche di un ambiente di lavoro salutare

Oltre agli elementi costitutivi di un ambiente di lavoro positivo devi anche conoscere le caratteristiche che permettono di definire “positivo” (o “salutare”) il work environment, dalla sicurezza sul posto di lavoro alla comunicazione.

 

Spazi fisici accoglienti e funzionali

Gli spazi fisici devono essere accoglienti e funzionali. Preoccupati di rendere il più confortevole possibile l’arredamento, così da mettere i dipendenti nelle migliori condizioni per lavorare. Il comfort, però, non è l’unico aspetto da considerare: lo spazio di lavoro, infatti, oltre che essere funzionale (e sicuro), deve anche stimolare la creatività.

 

Comunicazione efficace e trasparente

Non sono solo gli spazi fisici, però, a rendere un ambiente di lavoro accogliente: un altro fattore determinante è la comunicazione, che deve essere trasparente ed efficace, sia tra i dipendenti che tra i dipendenti e i manager.

Ricordati che la comunicazione deve essere bi-direzionale: è fondamentale, infatti, anche saper ascoltare i differenti punti di vista dei lavoratori e coinvolgerli, per quanto possibile, nei processi decisionali, favorendo il lavoro di squadra.

 

Cultura aziendale collaborativa e inclusiva

L’ultimo aspetto va di pari passo con quanto appena detto: la comunicazione deve ruotare anche attorno ai concetti di diversità e inclusione nell’azienda e concorrere a costruire una cultura aziendale collaborativa e inclusiva.

I dipendenti devono sentirsi parte di qualcosa di più grande ed essere consapevoli del loro ruolo e del loro contributo ai fini del raggiungimento degli obiettivi aziendali: solo così si sentiranno orgogliosi di ciò che fanno e potranno maturare sentimenti di fiducia e fedeltà nei confronti dell’azienda.

 

Strategie per costruire e migliorare un ambiente di lavoro positivo

Il momento clou è arrivato: stai per conoscere le migliori strategie per costruire un ambiente di lavoro positivo. Le operazioni principali da compiere, anche in questo caso, sono 3.

 

Incentivare il benessere dei dipendenti

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, tutto ruota attorno al benessere dei dipendenti ed è perciò fondamentale incentivarlo prestando attenzione a diversi aspetti. Ricorda che, come dice Emily Johnson,

“la salute e il benessere dei dipendenti sono investimenti, non costi. Un ambiente di lavoro positivo paga dividendi in termini di produttività e successo aziendale”.

Fondamentale, innanzitutto, è garantire la sicurezza di ogni dipendente sul luogo di lavoro. Gli spazi di lavoro devono essere ampi e ben illuminati e arieggiati, oltre che, ovviamente, puliti.

L’arredamento e i colori devono trasmettere calma e relax. Per accrescere la sensazione di benessere di ogni lavoratore, potresti dare la possibilità a ciascuno di loro di personalizzare la postazione.

Oltre che investire nella salute fisica dei tuoi dipendenti, devi pensare a quella mentale: sempre più aziende, al giorno d’oggi, hanno deciso di implementare programmi di supporto psicologico e politiche volte a garantire un corretto work-life balance.

In un luogo di lavoro deve esserci spazio anche per il relax: se gli ambienti lo permettono, potresti allestire una zona relax dove i dipendenti possano fare un break e rilassarsi (e rigenerarsi). In alternativa, potresti pensare di offrire, per esempio, una convenzione con una palestra. Fai attenzione anche al cibo: il benessere, infatti, è determinato anche da ciò che si mangia e, per questo, dovresti preoccuparti di offrire cibo salutare ai tuoi dipendenti all’interno dello spazio di lavoro.

 

Favorire il lavoro di squadra e la partecipazione

Il lavoro di squadra e la partecipazione di ogni lavoratore alla mission aziendale sono altri elementi decisivi di un ambiente lavorativo positivo.

Se i dipendenti non comunicano tra loro e accumulano rancori e gelosie, sarà l’intera azienda a risentirne. Devi, quindi, promuovere la collaborazione all’interno della squadra e una competitività sana, mirata al bene collettivo. Molto utili, in tal senso, sono le attività di team building, che migliorano il clima aziendale, rinforzando lo spirito di squadra.

È molto importante, inoltre, responsabilizzare i dipendenti: forse ti sorprenderà sapere che, concedendo una maggiore autonomia ai lavoratori, potrai riscontrare un aumento della produttività.

 

Offrire opportunità di sviluppo professionale

L’ultimo punto si collega a quanto appena detto: oltre che responsabilizzare i tuoi dipendenti e renderli partecipi dei processi decisionali dell’azienda, dovresti anche offrire loro interessanti opportunità di sviluppo professionale. In questo modo, infatti, ti assicurerai la loro fiducia e fedeltà.

 

Implementazione e gestione

Nelle righe precedenti abbiamo chiarito come e dove intervenire per creare un ambiente di lavoro positivo e offrire il massimo benessere a tutti i lavoratori. Deve esserti chiaro, però, che le indicazioni che hai ottenuto hanno, inevitabilmente, un carattere generale e generico; per implementare correttamente le strategie sopracitate, quindi, devi fare ulteriori considerazioni.

 

Valutazione delle esigenze specifiche dell’azienda

Ogni azienda ha una storia a sé e le startup, in particolare, hanno caratteristiche ed esigenze molto specifiche. Ciò significa che, probabilmente, non tutte le indicazioni appena fornite potranno essere tradotte effettivamente da te in accorgimenti concreti. Quello che devi fare è concentrare l’attenzione sulla tua startup e sul tuo team di lavoro e capire quali sono le esigenze specifiche del gruppo.

 

Pianificazione e attuazione delle strategie

Analizzare con precisione e tempestivamente le esigenze specifiche della tua startup e del tuo gruppo di lavoro ti dà la possibilità di pianificare per tempo le migliori strategie da attuare per costruire (e poi migliorare) un ambiente di lavoro positivo. Ovviamente, questo non ti renderà immune dalla necessità di intervenire in un secondo momento per correggere eventualmente il tiro.

 

Monitoraggio e adattamento continuo

In questa guida abbiamo sottolineato più volte l’importanza di ascoltare i propri lavoratori; questo è molto importante perché ti permette di dimostrare la tua attenzione verso il contributo di ciascuno di loro, ma lo è anche perché ti dà la possibilità di captare ogni minimo campanello d’allarme che potrebbe minare la positività dell’ambiente di lavoro.

Ascolta e osserva il tuo ambiente di lavoro, quindi, e potrai intervenire prontamente per ristabilire il benessere psicofisico della tua squadra, senza ripercussioni sul tuo business. Non solo: monitora i risultati delle tue iniziative e avrai così la possibilità di capire quali accorgimenti funzionano e quali no e di ristabilire le giuste priorità in base alle rinnovate esigenze della tua startup.

Nicola Zanetti

Founder B-PlanNow® | Startup mentor | Startup consulting & marketing strategist | Leading startup to scaleup | Private angel investor | Ecommerce Manager | Professional trainer | Book writer

info@b-plannow.com

Lascia un commento