Vuoi rimanere aggiornato sul mondo delle startup? Visita il nostro blog

Partnership aziendali come creare sinergie vincenti
Tempo di lettura: 5 minuti
Aggiornato al 05 Febbraio 2024

Partnership aziendali: come creare sinergie vincenti

Al giorno d’oggi, avviare un’azienda significa poter (e dover) contare anche sulle forze altrui. Le partnership aziendali permettono, al bisogno, di colmare un’eventuale lacuna nel modello di business o di fornire un servizio aggiuntivo rispetto a quanto già è possibile ai propri clienti.

Questo discorso vale ancor più per le startup : come insegna Mark Zuckerberg, infatti,

“la forza di una startup risiede spesso nella qualità delle sue partnership: trovare il partner giusto può significare la differenza tra il successo e il fallimento”.

Per evitare il fallimento e raggiungere il successo, quindi, hai bisogno di sapere cos’è una partnership aziendale, quali sono i vantaggi che offre una collaborazione di questo tipo e in che modo puoi trovare i tuoi partner aziendali ideali.

 

Cos’è una partnership aziendale?

Nell’universo del business si parla spesso di partnership aziendale e le definizioni che provano a spiegare cosa davvero si intende con queste due parole sono tante. È ora il momento di fare maggiore chiarezza.

 

Definizione e caratteristiche

Una definizione di partnership aziendale più formale fa riferimento a una gestione integrata di un processo da parte di due soggetti diversi, che agiscono come se facessero parte di un’unica entità. In termini più concreti, però, per partnership aziendale si intende un rapporto di collaborazione tra due o più aziende, allo scopo di ottenere uno o più vantaggi reciproci.

 

Tipologie di partnership: orizzontale e verticale

Le aziende che decidono di stipulare un accordo di partnership possono appartenere allo stesso ambito ma anche operare in settori diversi. Le imprese, inoltre, possono essere sullo stesso livello oppure trovarsi su livelli differenti della catena di valore (e avere in conseguenza di ciò un potere decisionale diverso). In quest’ultimo caso si parla di partnership verticale.

Al contrario, la partnership orizzontale vede collaborare aziende dello stesso livello che decidono di mettere a disposizione della controparte le proprie competenze e i propri segmenti di clientela.

 

Tipi di partnership

Tipi di partnership

 

Vantaggi delle partnership per le imprese

Come già abbiamo avuto modo di sottolineare, sono tanti i vantaggi che puoi ottenere nel momento in cui decidi di stipulare una partnership con la tua startup. Del resto, il raggiungimento di vantaggi (reciproci) è proprio la finalità alla base di una partnership aziendale. Ciò significa anche che, nel momento in cui ti rendi conto che l’accordo da te stipulato non assicura alcun vantaggio al tuo business, devi essere pronto a fare un passo indietro.

Le prossime righe ti serviranno a capire più nel dettaglio di quali vantaggi potresti beneficiare nell’eventualità in cui tu decida di stipulare un accordo di collaborazione tra imprese.

 

Vantaggi delle partnership per le imprese

Vantaggi delle partnership per le imprese

 

Espansione in nuovi mercati

Uno dei principali vantaggi che può offrirti una partnership commerciale è la conquista di nuovi mercati ai quali, senza l’accordo di collaborazione, non avresti la possibilità di accedere (o ai quali potresti accedere in maniera più complicata e/o impiegandoci più tempo).

 

Potenziamento del brand e reputazione online

Devi sapere che, da un accordo tra imprese, la tua startup può guadagnarci anche in termini di branding e reputazione online. Potresti, per esempio, decidere di collaborare con un’organizzazione no profit, così da accendere i riflettori sui tuoi valori aziendali.

 

Condivisione delle risorse e delle competenze

In una business partnership, le aziende mettono a disposizione le loro risorse e le loro competenze in nome di un progetto comune capace di assicurare vantaggi reciproci. Ciò significa che la tua startup può acquisire maggiori risorse senza che tu abbia bisogno di investire in maniera diretta nell’acquisizione di nuovi macchinari o talenti. Tieni conto, inoltre, che la collaborazione può anche prevedere la condivisione delle spese per particolari attività, come per esempio il marketing.

 

Innovazione e crescita

Un altro dei vantaggi a cui puoi puntare stringendo una partnership con altre aziende è la crescita dal punto di vista dell’innovazione. Ovviamente, affinché ciò sia possibile, devi stringere accordi con imprese più grandi e, laddove possibile, che rivestono un ruolo da leader nel tuo settore.

 

Accordi chiari: la chiave del successo

Fai ben attenzione: stringere una partnership aziendale non si traduce automaticamente in un’operazione di successo, vantaggiosa per tutte le parti in causa. Gli imprevisti, infatti, sono sempre dietro l’angolo. Il modo per prevenirli ed evitarli, però, c’è. E stai per scoprirlo.

 

L’importanza del contratto di collaborazione tra aziende

Il primo consiglio per te che stai pensando di stringere un accordo di collaborazione tra imprese è quello di formalizzare tale accordo: è necessario, infatti, mettere nero su bianco, in maniera dettagliata, tutto ciò che le due parti si aspettano l’una dall’altra e quello che ciascuna è in grado di offrire. È importante, inoltre, fissare aspettative realistiche, così da poter avere un obiettivo concretamente raggiungibile ed evitare di andare incontro a un fallimento annunciato.

 

Accordo di partnership: gli errori da evitare

Quando stipuli un accordo di partnership devi assolutamente evitare alcuni errori che, purtroppo, sono invece molto ricorrenti tra startupper e imprenditori.

Innanzitutto, non accettare la prima offerta: il vantaggio deve essere reciproco ed è perciò fondamentale negoziare un accordo che si riveli davvero valido per tutte le parti in causa.

Non lasciarti tentare dalle dimensioni dell’azienda che ti propone una partnership: non sempre un partner grande è anche un grande partner. Ovviamente, un’azienda dalle grandi dimensioni è in grado di offrirti opportunità maggiori ma magari ciò che mette sul tavolo non è quello di cui ha bisogno la tua startup.

Quando cerchi un partner per la tua startup, allo stesso modo, non dovresti limitare la tua area di ricerca: chi può aiutarti a trovare ciò di cui hai bisogno non necessariamente si trova vicino a te. Anzi, potrebbe trovarsi esattamente dall’altra parte del mondo.

 

La gestione delle controversie

Come gli imprevisti, anche le controversie sono sempre dietro l’angolo: il segreto è essere consapevoli di ciò e sapere come gestirle. Abbiamo già sottolineato l’importanza di formalizzare nero su bianco l’accordo, ma è altrettanto importante mantenere costante il dialogo con la controparte, così da poter intervenire tempestivamente per porre rimedio a ogni eventuale problema.

In molti commettono l’errore di ignorare i problemi, con la speranza che si rivolvano da soli. Abbiamo una notizia per te: quasi mai i problemi si risolvono da soli. Parlare con il partner e trovare una rapida soluzione insieme rafforza il rapporto ed evita che un piccolo problema diventi un intoppo insormontabile.

 

Come trovare il partner aziendale ideale

Se vuoi trovare il partner aziendale giusto non devi avere fretta o accettare la prima proposta che ti arriva. Al contrario, faresti bene a svolgere un attento e accurato lavoro di valutazione. La selezione del partner ideale si basa su alcuni presupposti ben precisi.

 

Valutazione e selezione

Per scegliere il partner ideale per la tua startup devi partire da ciò di cui ha bisogno la tua attività per crescere e migliorare e da ciò che sei in grado di mettere sul tavolo come valore aggiunto (sia a livello di competenze o risorse che di opportunità). Può aiutarti stabilire dei criteri precisi che il tuo partner aziendale dovrà soddisfare, per esempio a livello di situazione finanziaria.

Una volta fatto ciò, devi spostare il focus sui soggetti potenzialmente interessati a stringere un accordo di partnership con te: la scelta, ovviamente, deve ricadere su un soggetto in grado di soddisfare i requisiti da te fissati in precedenza. Ricorda, inoltre, che per una partnership di successo devi collaborare con aziende i cui prodotti o servizi possono completare la tua offerta.

 

La comunicazione efficace nella partnership tra aziende

Lo ripetiamo ancora una volta: è sempre meglio mettere nero su bianco l’accordo di collaborazione, così che entrambe le parti abbiano ben chiaro ciò che ciascun soggetto si attende dall’altro. Ricorda anche che è altrettanto importante (anzi, fondamentale) mantenere viva la relazione e la comunicazione tra le parti, così da poter intervenire tempestivamente in caso di problemi che potrebbero compromettere la partnership.

Nicola Zanetti

Founder B-PlanNow® | Startup mentor | Startup consulting & marketing strategist | Leading startup to scaleup | Private angel investor | Ecommerce Manager | Professional trainer | Book writer

info@b-plannow.com

Lascia un commento